ARTICOLI

LA SOFFERENZA PSICHICA VISTA NELL’OTTICA DEI “BAMBINI NASCOSTI” CHE SONO DENTRO OGNUNO DI NOI E CHE DEVONO CRESCERE PER FARCI STARE BENE:
IL RUOLO DELLO PSICOLOGO CLINICO AD ORIENTAMENTO PSICOANALITICO

Del Dottor Andrea Maria Gambardella

Quando una persona sta male può dipendere da situazioni esterne o situazioni interne legate alla sua infanzia, che hanno a che fare con il suo “inconscio disturbato”. Fu Alba Marcoli a parlare per la prima volta non direttamente di inconscio ma di “bambini nascosti”, che sono i bambini nascosti nel nostro inconscio, che ci disturbano perché non sono ancora cresciuti (vedere il suo primo libro “Il bambino nascosto”, che si può trovare nella bibliografia). Vi invito a leggerlo.
Il lavoro dello psicologo clinico ad orientamento psicodinamico è prima di tutto capire il problema del paziente e sostenerlo, per poi cercare di risolverlo. Se è un problema legato alla realtà contingente, cerca dalla sua posizione privilegiata di persona “al di sopra delle parti” di lavorare sul presente, se invece si accorge che la problematica di sofferenza è legata alla presenza di vecchi schemi passati e radicati dall’infanzia, cerca di andare a “prendere per mano” il bambino nascosto del paziente e a tirarlo fuori, dal buio dove è finito, alla luce del sole, dove si può illuminare di vita.
In questo articolo cerco di fare un quadro il più possibile dettagliato di tutte le possibili problematiche che possono sorgere nella relazione paziente-psicologo, in modo tale da mettere in luce le possibili sfaccettature che emergono nella relazione.
Racconterò un po’ il metodo, che non è solo la comprensione della situazione contingente presente, ma l’analisi del passato e il tentativo di farlo elaborare al paziente, in modo tale che possa riprendere il percorso che aveva interrotto, o scoprire veramente chi è se stesso.

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

I miei contatti

 

+39 348 300 5268

(anche WhatsApp)

Skype

andreamaria.gambardella@hotmail.com

Mail

andreamariagambardel@libero.it

Corso Paolo Bernacchi n° 101 21049 Tradate (VA) - Italia